THE RED BLUE LEGEND

Home
Chi siamo
La stagione
La storia del Genoa
I miti rossoblù
I grandi club
La libreria di RBL
I link
Rossoblù ovunque

 

ESTATE 2011 - NASCE IL GENOA 2011/2012

 

IL GRIFONE NEL PARADISO DI NEUSTIFT:

 

 

Il nuovo Genoa di Alberto Malesani prepara la stagione 2011/2012 a Neustift, ai piedi del ghiacciaio che domina la valle dello Stubai. Ecco gli uomini a disposizione del nuovo tecnico rossoblù:

Portieri: Lupatelli, Scarpi, Zima;

Difensori: Mesto, Dainelli, Kaladze, Antonelli, Granqvist, Moretti, Krajnc;

Centrocampisti: Seymour, Milanetto, Miguel Veloso, Constant, Kucka, Merkel, Birsa, Rossi, Sturaro;

Attaccanti: Zé Eduardo, Palacio, Pratto, Jorquera, Ribas, Rudolf, Hallenius.

 

Alberto Malesani, ai nastri di partenza sarà il tecnico più titolato della seria A

 


Primi allenamenti per i Grifoni nel fresco della "Stubaital", tra conferme e novità. A tirare il gruppo il solito capitan Marco Rossi, indiscutibile uomo squadra, mentre tra i nuovi brillano già Birsa, Zé Eduardo e Ribas. Mister Malesani inizia il lavoro di costruzione della nuova compagine allestita dalla dirigenza genoana. Per i test probanti sul campo non c'è alcuna fretta.

23/07/2011 - Genoa - Stubaital: 6-0

La prima uscita stagionale del nuovo Grifone di mister Malesani vede il rotondo successo di Rossi e compagni contro la rappresentativa locale della Valle deloo Stubai per 6-0. Il tecnico rossoblù ha dato spazio a tutti gli uomini a disposizione, alternando i due schemi preferiti. Nella prima mezz'ora ecco il 4-3-3, con Palacio-Pratto-Zé Eduardo a comporre il tridente. Poi dentro Jorquera alle spalle del duo Pratto-Rudolf. Nella ripresa ancora Jorquera dietro a Ribas-Rudolf prima e a Ribas-Hallenius poi. In difesa buon esordio dello svedese Granqvist in mezzo hanno ottimamente impressionato Constant, che, pur con le dovute proporzioni, ricorda molto nelle movenze Clarence Seedorf, Birsa, incisivo e tecnicamente raffinato, e Seymour, bravo ad organizzare la manovra e duro da superare per qualsiasi avversario. Bene anche Veloso, che rispetto allo scorso anno sembra decisamente un altro giocatore. Anche se è giusto chiarire che vedere il portoghese giocare alla grande non rappresenta, almeno per chi segue un minimo il calcio internazionale, una sorpresa: da anni, infatti, l'ex-regista dello Sporting Lisbona, a dispetto della giovane età, è considerato uno dei migliori talkenti del vecchio continente.

Il tabellino:
Genoa - Stubaital: 6-0
Reti
: 14' pt. Kucka, 28' pt. Pratto, 15' st. Ribas (rig.), 19' st. Birsa, 25' st. Ribas (rig.), 45' st. Birsa
Genoa (1° tempo): Lupatelli (Scarpi); Rossi, Granqvist, Moretti, Antonelli: Kucka, Milanetto (M. Veloso), Constant; Palacio (Rudolf), Pratto, Zé Eduardo (Jorquera);
Genoa (2° tempo): Scarpi (Zima); Mesto, Dainelli, Krajnc, Moretti (Bertoncini); Sturaro, M. Veloso (Seymour), Birsa; Jorquera; Ribas, Rudolf (Hallenius).

23/07/2011 - Milanetto lascia il Genoa e va al Lugano.

 

Omar Milanetto, un pezzo di storia del Grifone


Omar Milanetto, uno dei veterani del gruppo rossoblù, lascia il Genoa e si trasferisce al Lugano. A far maturare la decisione del centrocampista genoano è stata la contestazione portata avanti nei suoi confronti da un ristretto gruppo di tifosi della Nord, che non gli hanno perdonato una frase pronunciata al termine del derby vinto contro la Samp nel finale dello scorso campionato. A dispetto della solidarietà espressa a Omar dalla stragrande maggioranza dei supporters genoani, la decisione di cambiare aria permetterà comunque all'ambiente di riacquistare tranquillità.
La contestazione di questi ultimi giorni, per la verità, aveva avuto l'effetto del classico "fulmine a ciel sereno", giacché l'episodio incriminato sembrava ormai ampiamente dimenticato. L'ala più intransigente della tifoseria, però, ha portato avanti la propria personalissima battaglia. Battaglia, sia ben chiaro, condotta non per il bene del Genoa ma con la semplice volontà di far valere proprie convinzioni, giuste o sbagliate che siano. La società si è così dovuta piegare alla volontà di poche persone. Persone che farebbero bene fin da subito a mettere da parte un bel gruzzoletto di euro. Nella malaugurata ipotesi, infatti, che a Gennaio si ponesse la necessità per il Grifone di andare a cercare un centrocampista con le doti dello stesso Milanetto, ci si potrà ragionevolmente attendere che il presidente Preziosi chieda agli intransigenti contestatori di provvedere loro stessi all'acquisto!

 

Ecco il testo della lettera aperta con cui Milanetto ha voluto salutare, dal sito ufficiale rossoblù, i tifosi genoani:

"NEUSTIFT - Dopo cinque anni entusiasmanti si conclude la mia esperienza con la maglia del Genoa. Sono un uomo e un giocatore fortunato. Ho sentito la forza del Grifone sulla mia pelle, ho avvertito la spinta della sua gente in ogni battaglia combattuta, ho amato, rispettato, onorato questa maglia ogni volta che ho avuto la fortuna di vestirla, ho pensato che questi colori li avrei indossati fino alla fine della mia carriera.

Purtroppo non sarà così.

Questo mio gesto non è sintomo di debolezza ma è il mio ultimo estremo atto d’amore verso questa gloriosa società.

Mi restano ricordi indelebili… dalla cavalcata della serie B, al record dei cinque derby vinti, amicizie fraterne che dureranno, pugnalate alle spalle che non mi aspettavo e la sensazione di essere stato uno di voi.

Tutto serve per crescere.

Ringrazio la famiglia Preziosi per questa splendida avventura e tutti quelli che mi hanno dimostrato solidarietà e appoggio in questa ultima settimana.

Da oggi avete perso un giocatore ma acquistate un tifoso.

Saluto tutti e, come mi ha insegnato un vecchio amico, “certe storie si possono comprendere e amare anche saltando le ultime pagine…”.

Con stima immutata.

Omar Milanetto 77".

(Fonte: www.genoacfc.it)

 

BUONA FORTUNA OMAR E GRAZIE DI TUTTO!!!

 

29/07/2011 - Preso Frey

Colmato il vuoto presente alla "casella" portiere: dalla Fiorentina ecco Sebastien Frey, ovvero, problemi fisici permettendo, uno dei migliori portieri del campionato italiano e del mondo. Bel colpo, dunque, per il Grifone, che si è assicurato per i prossimi 5 anni le prestazioni di colui che, se non fosse stato per le scelte allucinanti dell'ex-ct Domenech, sarebbe il titolare indiscusso della nazionale francese da almeno 10 anni.